Andrea Bonomi adesso aspetta il ritiro della concessione di Sisal

 

I Monopoli ritirano la concessione per le slot machine alla BPlus di Francesco Corallo

L’Huffingtonpost  |  Di Andrea Bassi  |  Pubblicato: 07/12/2012 11:50 CET Aggiornato: 07/12/2012 12:19 CET

Slotansa

I Monopoli di Stato hanno deciso di revocare la concessione per l’esercizio di slot machine e di Videlolotteries alla Bplus di Francesco Corallo. La notizia emerge da una sentenza della seconda sezione del Tar del Lazio alla quale la società aveva fatto ricorso contro un provvedimento di revoca assunto dall’Amministrazione guidata da Luigi Magistro. La decisione di non riassegnare l’autorizzazione alla gestione delle macchine da intrattenimento, settore nel quale Bplus è leader di mercato, è arrivata secondo quanto ricostruito dall’Huffpost, dopo che i Monopoli hanno ricevuto una informativa dal Prefetto di Milano sulle pendenze giudiziarie di Corallo. In base alle nuove norme sulla trasparenza dei concessionari pubblici, l’autorizzazione deve essere ritirata a chiunque abbia tra i soci o tra i top manager, persone rinviate a giudizio.

Corallo era finito nell’inchiesta sui prestiti facili della Bpm ai tempi in cui al vertice c’era Massimo Ponzellini. Due le accuse mosse dalla procura milanese a Corallo. La prima per un reato associativo, la seconda per corruzione in base all’articolo 2635 del codice civile. Un’accusa quest’ultima, che i difensori di Corallo hanno sempre respinto ritenendola infondata per il fatto che la società ha sempre onorato le rate del prestito. Non solo. L’articolo 2635 prevede che i magistrati possano procedere solo per querela di parte e nel caso ci sia stato un danno economico. Bpm invece, dal prestito a Bplus, ricordano gli avvocati di Corallo, “ha chiarito di non aver subito danni”. Secondo Corallo nella decisione della Popolare di Milano di avallare l’inchiesta della magistratura, ci sarebbe un tentativo di falsare la concorrenza nel settore dei giochi. Il neo presidente della Bpm è Andrea Bonomi, che tramite il fondo Investindustrial, partecipa al capitale di altri due concessionari di slot machine, Snai e Cogetech. Corallo ha anche presentato una denuncia per risarcimento danni da 750 milioni alla Corte di Londra (dove ha sede Investindustrial) contro Bonomi. La battaglia legale continua anche in Italia. I legali di Bplus hanno già annunciato ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar.

Ma la vera domanda è ora, cosa accadrà nel ricco mercato delle slot machine. Bplus, con 90 mila macchinette già installate, ha una quota del 25% in un mercato che vale circa 40 miliardi euro. Insomma, per lo Stato raccoglie circa 8 miliardi di euro versando nelle casse pubbliche circa un miliardo l’anno. Spegnere le macchinette da un giorno all’altro è difficilmente immaginabile, anche perché rischierebbe di creare un buco nei conti pubblici. L’ipotesi, a questo punto, è che il parco macchine di Bplus possa essere suddiviso per quote di mercato tra gli altri operatori. Ma per ora sono solo speculazioni. Fatto è che, in base alla vecchia convenzione, quella del 2004, lo Stato può obbligare il concessionario al quale ritira il titolo di continuare a tenere in esercizio il parco macchine per il periodo necessario alla transizione. I Monopoli, del resto, come primo obiettivo hanno quello di tutelare l’interesse pubblico che, in questo caso, significa un incasso di un miliardo di euro l’anno per le casse dello Stato. Dal canto suo Corallo è pronto a vendere cara la pelle. Anche perché sta aspettando le motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione che ha annullato gli atti dell’inchiesta milanese, almeno per quanto riguarda il reato associativo, rimandando tutto al tribunale del riesame.

 ———————————————————————————————————————————————————————————————————————
The Monopoly withdraw the license for slot machines at Bplus Francesco Corallo

The HuffingtonPost | By Andrea Bassi | Published: 12/07/2012 11:50 CET Updated: 07/12/2012 24:19 CET

Slotansa

The State Monopolies have decided to revoke the license for the operation of slot machines and Videlolotteries to Bplus Francesco Corallo. The news emerges from a judgment of the second section of the TAR of Lazio to which the company had appealed against the decision to withdraw taken by the Administration led by Luigi Magistro. The decision not to reassign the license to operate gaming machines, a sector in which Bplus is the market leader, came as dall’Huffpost rebuilt after the Monopoly received a statement from the Prefect of Milan on the slopes judicial Corallo . Under the new rules on transparency of public dealers, the authorization should be withdrawn to anyone between the partners or between the top managers, persons committed for trial.

Corallo was done in the investigation of Bpm easy loans at a time when the top was Massimo Ponzellini. Two allegations by Milan prosecutors in Corallo. The first association of an offense, the second for corruption under Article 2635 of the Civil Code. The latter accusation, his lawyers have always denied Corallo deeming unfounded due to the fact that the company has always honored the rate of the loan. Not only. Article 2635 provides that magistrates can proceed only to the complaint and if there was a financial loss. Bpm instead, the loan Bplus, recall lawyers Corallo, “made it clear he did not suffer damage.” According to the decision of the Corallo, Popolare di Milano to endorse the investigation of the judiciary, there would be an attempt to distort competition in the gaming industry. The new president of the BPM is Andrea Bonomi, who through the fund Investindustrial, holdings in two other dealers of slot machines, and Snai Cogetech. Corallo  has also filed a complaint for damages of 750 million at the High Court in London (where there is Investindustrial) against Bonomi. The legal battle continues in Italy. The lawyers have already announced Bplus appeal to the Council of State against the decision of the TAR.

But the real question now is, what will happen in the rich market of slot machines. Bplus, with 90 000 machines already installed, has a share of 25% in a market that is worth about 40 billion euro. In short, the State collects approximately EUR 8 billion pouring into public coffers about a billion a year. Turn off the machines from one day to another is hard to imagine, because risk creating a hole in the public accounts. The hypothesis, at this point, is that the machinery of Bplus can be divided for market shares among others operators. But for now it’s just speculation. The fact is that, according to the old convention, that of 2004, the State may require the dealer to which withdraws the title to continue to keep the fleet in service for the period necessary for the transition. I Monopoli, moreover, have as its primary objective is to protect the public interest, in this case, means a collection of one billion euro per year for state coffers. For its part, Coral is ready to sell his life dearly. Also because it is waiting for the written judgment of the Court of Cassation annulled the acts of the Milanese, at least with regard to the crime of association, leaving everything to the court of review.

Questa voce è stata pubblicata in Andrea Bonomi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...